Il mare a casa

“[…] Abbiamo conosciuto l’Associazione Il Porto dei piccoli presso l’Ospedale Gaslini di Genova dove purtroppo Sara era ricoverata in gravissime condizioni. Eravamo molto provati e onestamente non eravamo molto predisposti al dialogo e ad essere avvicinati da persone che non conoscevamo, eravamo molto chiusi nella nostra sofferenza. Nonostante ciò, gli operatori di tale Associazione che quotidianamente venivano per Sara e altri bambini, hanno capito cosa stavamo passando e con una dolcezza estrema, con tatto e comprensione e professionalità hanno saputo a farsi accettare, farci parlare, hanno saputo rendere la situazione meno amara, ascoltandoci, parlandoci, giocando con la bambina. Era diventato per me ricoverata da sola con la piccola un grande appoggio quotidiano. […]  Ora gli operatori vengono a domicilio e ogni volta creano cose nuove dalle poche cose semplici (colla, cartoncini), cantano, inventano storie, suonano strumenti. Tale attività risulta molto importante. La mia bambina non può uscire e cosi vede gente nuova, che le dimostra affetto, gente che in modo professionale e umano trasmette alla piccola segnali di amicizia, gioco e creatività. Quando Sara dal domicilio si ricoverata ha subito attivato il cambio di intervento da domicilio all’ospedale e non sono mai mancati un giorno. […] In questo mondo dove il diverso è considerato spazzatura e peso per la società, voi lo fate sentire partecipe in un modo che in qualche modo è anche il suo.” Mamma di Sara

È la rotta di un progetto speciale e delicato che ha preso vita nel 2011 con l’obiettivo di creare spazi di evasione, supporto e sostegno per i bambini e i familiari che vivono la difficile esperienza della malattia accompagnandoli durante tutto il percorso, portando “il mare… direttamente da loro!”.

In punta di piedi, gli operatori dell’Associazione entrano nelle abitazioni, nelle case di accoglienza di quei piccoli che necessitano di un lungo periodo di terapie: si presentano come portatori di serenità e svago, ascoltatori ed interpreti al fine di comprendere e rispondere alle esigenze dei bambini e delle famiglie, nella prospettiva di reinterpretare l’abitazione e la casa di accoglienza quale luogo di distrazione, divertimento e affettività. La finalità principale del progetto è di essere di aiuto e sostegno alla famiglia, tramite l’instaurarsi di un legame duraturo che ha come finalità “soli…mai!”.

È un progetto delicato perché si entra in relazione diretta e vera con le famiglie, nelle loro case e nella loro intimità, famiglie rese fragili dalla malattia dei loro piccoli ma che scopriamo giorno dopo giorno coraggiose, sorridenti ed accoglienti.

I nostri operatori, dopo aver ricevuto una formazione specifica, propongono laboratori ludico-didattici ispirati al tema del mare e della natura. Tutte le attività sono create in base alle preferenze dei bambini e dei genitori e, compatibilmente con la terapia, variano da laboratori manuali, musicali, teatrali, a quelli di biologia, arte, cucina, lettura e tanto altro ancora.

Noi de Il porto dei piccoli desideriamo entrare in punta di piedi nelle case dei nostri bimbi, portando un piccolo mare di attività e svago, contribuendo a ricreare anche per un istante una dimensione di serenità famigliare.

Ad oggi riusciamo a seguire gratuitamente a domicilio 35 bambini di diverse regioni italiane, portando nelle loro stanze tutta la gioia e l’energia del mare con professionalità e impegno costante.

Grazie al vostro sostegno potremo continuare a garantire con costanza la nostra presenza al fianco di questi bimbi e rispondere alle numerose richieste delle nuove famiglie che richiedono il nostro supporto!

Vorresti avere più informazioni sul progetto? Scrivici una mail a info@ilportodeipiccoli.org oppure chiamaci allo 010.8593458