La nascita di un’idea

Intervista a Gloria Camurati, Fondatrice

Spesso mi è stata posta la domanda: quale è stata la ragione, il motivo, la scintilla che ti ha fatto pensare, prima, e mettere in pratica, dopo, Il Porto dei piccoli?

Non ho una risposta ben precisa, un fatto particolare, un avvenimento specifico, un’esperienza che mi ha colpito, un riferimento a cui far risalire questa decisione. Si è trattato, piuttosto, di un insieme di fattori che si sono stratificati nel corso degli anni e che sono per così dire sfociati, dal mio personale punto di vista, ed esplosi nel Porto dei piccoli.

Un ruolo importante è stato svolto sicuramente dalla mia esperienza professionale di insegnante a contatto con i bambini, l’essere mamma è stato altrettanto importate, e l’amore per il mare è stato un ulteriore elemento di riferimento.

Desidero però sottolineare due fatti che mi sembra siano stati alla base di tutto.

L’importanza di saper cogliere e di far crescere un’idea, un progetto, sentendo dentro di sé la determinazione necessaria per andare avanti anche se le difficoltà che si parano davanti sembrano insuperabili. Saper riconoscere tra le tante idee o desideri che tutti noi proviamo quella che veramente è degna di essere accolta e perseguita.

Il secondo fattore determinante per riuscire a trasferire l’idea dal mondo dei sogni, o forse dei desideri, alla realtà è stato avere la fortuna di trovare persone che mi hanno sostenuto e aiutato fin dall’inizio. Vorrei riuscire ad esprimere al meglio questo concetto, perché non è così ovvio come potrebbe apparire. Non è infatti un sostegno generico, ma l’incontro con perone con cui condividere su piani diversi (culturale, metodologico, finanziario) il progetto a cui si è pensato.

Ecco, credo che la nascita dell’idea da sola non sarebbe stata sufficiente: ma con la collaborazione, con la condivisione, con il sostegno, con l’incitamento da parte di persone che definire “amiche” è riduttivo, siamo riusciti a salpare e affrontare il mare della realtà. Avere persone che credono in noi è decisivo affinché possiamo a nostra volta credere negli altri.